CREMONA PRODUCE

Rivista di attualità e cultura, si pone come obiettivo il rispetto e il mantenimento delle tradizioni e del patrimonio culturale, artistico e naturalistico cremonese. Ampi spazi sono infatti dedicati all’arte, alla cultura, alle inchieste, con approfondimenti sulle varie tematiche e con rubriche di fotografia naturalistica e paesaggistica realizzate da fotografi campioni del mondo del settore.

Prodotto editoriale da "collezione", CREMONA PRODUCE, una rivista che "parla" attraverso le immagini, da conservare e da riguardare nel tempo, è diventata nel corso dei suoi cinquant'anni di pubblicazioni, una "piccola enciclopedia" del territorio cremonese.

|
ULTIME USCITE
|

Cremona Produce - Numero Unico 2020


continua ...

Il Po in Cattedrale - La Grande Piena

Da Cremona a Casalmaggiore: ci proteggano li santi

Quella del 1705 fu la piena del Po più devastante per Cremona e il suo territorio. Tra ottobre e fino al 10 di novembre il fiume si ingrossa e rompe a Porta Po e Porta Mosa ed entra in città fino in via Platina, Porta San Luca e San Michele. Migliaia gli sfollati e le case crollate o inagibili. Le Note dei consoli delle vicinie riportano tutti i nomi dei cremonesi colpiti.
Il Po causa danni maggiori in provincia: l’ondata di piena sfonda l’argine a Farisengo di Bonemerse, sfalda le difese o, più drammaticamente le supera. Tutti i paesi della Provincia Inferiore sono sotto metri di acqua, da Malagnino a Motta, da Torricella a Gussola, fino a Casalmaggiore devasta campi e fa crollare case, forma bodri e fosse. Il fiume uccide uomini e animali.
Questo libro ripercorre, mediante documenti inediti, quelle giornate da tregenda.

Pagg. 240 copertina con alette
Formato 17x24 cm
1/16 fotografie a colori
Prezzo € 20,00

 

continua ...

La chiesa di Sant’Imerio in Cremona

La chiesa di Sant’Imerio si dota per la prima volta di una pubblicazione dedicata alla sua storia e a quella della sua comunità parrocchiale. Il volume comprende tre saggi, di Mariella Morandi per i secoli XVII e XVIII, di Sonia Tassini per i secoli XIX e XX e di Lucia Zanotti per le vicende della comunità. La storia della chiesa si divide in due momenti storici: la sua fondazione nel 1606 come primo convento dei Carmelitani Scalzi in territorio lombardo; la sua destinazione a parrocchia nel 1805 a seguito della soppressione del convento. Le visite pastorali, il giornale parrocchiale e le testimonianze dei parrocchiani sono le fonti per ricostruire l’identità della comunità. Il libro, frutto di approfondite ricerche archivistiche, è corredato da un ampio apparato iconografico a cura di Antonio Barisani che esalta la bellezza delle opere d’arte di cui è ricca la chiesa.

Pagg. 160, copertina con alette 
Formato 23x28 cm
s.i.p.

continua ...

Volti e Fatti

di una Cremona nascosta

Cremona, come si legge nelle pagine di Fabrizio Loffi, giornalista cremonese con la passione della ricerca, è stata punto d’incontro fin dall’antichità di protagonisti grandi e piccoli della storia, centro strategico di traffici e commerci per tutta la pianura padana. Con questa nuova pubblicazione "VOLTI E FATTI DI UNA CREMONA NASCOSTA" ideale prosecuzione della precedente "VOLTI E FATTI DI UNA CREMONA ANTICA", Fabrizio Loffi attira l’attenzione dei lettori su vicende, personaggi, circostanze e luoghi della storia locale, dal Medio Evo ai giorni nostri mettendo insieme, sul filo della narrazione, storie apparentemente minime che riguardano personaggi, ingiustamente dimenticati, che hanno agito e hanno costruito la loro carriera a Cremona, o cremonesi che hanno acquisito meriti e fama in Italia e all’estero.
L’originalità delle storie, sempre suffragata da approfondite ricerche, e la fruibilità della scrittura consentono al lettore di immergersi nella ’vita’ di Cremona e del suo territorio per conoscere meglio la sua storia e quella dei suoi cittadini. Un volume da leggere con lo stesso gusto con cui si legge un libro di racconti.

Testo di Fabrizio Loffi
Pagg. 144, copertina con alette 
Formato 17x24 cm
Prezzo € 15.00

continua ...

Volti e Fatti

di una Cremona antica

Le "pagine scritte" di Fabrizio Loffi, giornalista cremonese con la passione della ricerca, che costituiscono il corpus del libro, già apparse su quotidiani e periodici di Cremona, grazie all’originalità delle storie e alla fruibilità della scrittura mantengono costante l’interesse e la curiosità del lettore. "Fatti e volti di una Cremona antica" racconta dell’origine del piatto tipico cremonese "i marubini", dell’influenza musulmana nella costruzione del Torrazzo, della contrastata storia d’amore di Caracosa che ben sottolinea la difficile convivenza fra le comunità ebraiche e i cristiani del XV secolo, della possibile origine cremonese della cornamusa, e di molte altre vicende e di personaggi succedutisi nel corso del tempo fino a giungere a quelli a noi più vicini come l’apprendista regista Clemente Fracassi che scoprì la Loren. Un’immersione totale, fra realtà e leggenda, sempre suffragata da approfondite ricerche, nella "vita" di Cremona e del suo territorio, destinata a chi vuole capire e conoscere meglio la sua storia locale che si presenta con la bellezza e la straordinarietà delle sue vicende.
Testo di Fabrizio Loffi
Pagg. 144, copertina con alette 
Formato 17x24 cm
Prezzo € 15.00

continua ...

Io lo conoscevo bene

Viaggio semiserio nei personaggi di Ugo Tognazzi

Contiene 60 fotogrammi di film interpretati da Ugo Tognazzi, provenienti dal Centro Sperimentale di Cinematografia, Cineteca Nazionale di Roma

La filmografia di un interprete prolifico e sfaccettato come Ugo Tognazzi è stata ridotta ad alcune icone indelebili a cui l’attore ha dato vita, come il Primo Arcovazzi de "Il federale" oppure il Lello Mascetti di "Amici miei", o ancora il protagonista de "Il vizietto". IO LO CONOSCEVO BENE è un percorso attraverso alcune delle figure più rappresentative a cui Ugo Tognazzi ha prestato il suo corpo e le sue competenze attoriali. È un viaggio attraverso i personaggi comici, inquieti, laidi, grotteschi, malinconici da lui interpretati che ne rivelano l’arte e l’essenza. Sono trenta le opere che vengono qui analizzate, scavate, vivisezionate. Pellicole molto diverse per epoca, genere, autore che vengono indagate in relazione alla presenza e alla recitazione di Ugo Tognazzi. Studiosi e critici di provenienza diversa affrontano, ciascuno con i propri ferri del mestiere, uno o più film. Ne emerge un ritratto caleidoscopico ma singolarmente unitario: l’attore brillante dei primi fil-rivista, visto da vicino, non è così distante, come a prima vista potrebbe apparire, dalle interpretazioni più dolenti e inquiete di Bernardo Bertolucci o Ettore Scola.

A cura di Elena Mosconi
Pagg. 152
Formato 17x24 cm
Prezzo € 15.00

continua ...
Hai bisogno di un'informazione?
Oppure vuoi solo comunicare con noi?
powered by BE@WORK